mercoledì 4 novembre 2015

Melini

Non so se sapete che non sono una grande bevitrice di alcolici, forse perchè troppo selettiva, per me il vino deve essere poco ma buono, come gli amici.
Ecco perchè devo dare il giusto merito a : MELINI RE CHIANTI.

UNA CASA VINICOLA IN CUI TRADIZIONE E INNOVAZIONE SI FONDONO NELLA STORIA. UN VIAGGIO SENSORIALE ALLA SCOPERTA DI UN TERRITORIO GENEROSO DI AROMI E SAPORI GENUINI. UN VINO AUTOCTONO DALLE ORIGINI ANTICHE, CAPACE DI SEDURRE CON EMOZIONI SEMPRE NUOVE.

L’incantevole e solitaria bellezza del Chianti, territorio collinare situato tra Firenze e Siena, deriva da una lunga storia di lavorio umano, che nei secoli ha modellato questa terra rendendola un mosaico di storia, natura e arte unica al mondo.

Le bellezze naturali della terra del Chianti hanno conservato tutto il loro fascino che rende questa zona una fra le più attraenti di tutta la Toscana e delle più note al mondo per i suoi paesaggi.

Una regione collinare caratterizzata da piccole valli formate da torrenti, dalla forma dolce e morbida in cui si alternano boschi, vigneti e campi. Dominano il consueto alternarsi della vite e dell`olivo, del cipresso e della casa colonica sparsa, il bosco di castagno e di quercia, cui si mescolano ampie distese di ginestre.



Il Chianti Melini racchiude la migliore essenza della vecchia Toscana, riletta in chiave contemporanea attraverso speciali metodi di produzione. Un vino originale e di carattere che si sposa perfettamente sia con i piatti della tradizione che con la delicatezza della nuova cucina e con il piacere di un aperitivo conviviale. Ideale da gustare in compagnia.

1. CHIANTI GOVERNO 
2. CHIANTI 
3. CHIANTI RISERVA

Volete sapere quale ho avuto il privilegio di degustare?
LUI: CHIANTI



La sua origine antica si riconosce a prima vista, il suo istinto moderno si percepisce al primo sorso. Racchiuso in una bottiglia che richiama alla memoria le forme panciute dei fiaschi in vetro e paglia, è un vino nuovo, prodotto con un innovativo metodo di vinificazione.
La spiccata personalità e la straordinaria piacevolezza fanno di questo Chianti un modo originale e accattivante di apprezzare uno dei vini più tradizionali e antichi della Toscana.

Le uve: 75% sangiovese grosso, 25% uve complementari.
Il vigneto: uve provenienti da aree tradizionalmente vocate per felice combinazione di terreno, esposizione e clima. I vigneti, ad alta densità e di impianto relativamente recente, sono allevati a Guyot e a cordone speronato su terreni bene esposti, composti da alberese e galestro, i due tipici terreni delle zone vocate della Toscana.
La vinificazione: una parte delle uve viene leggermente appassita in vigna, dopo un’accurata cernita manuale, è aggiunta a grappolo intero all’interno di vino appena svinato. Dopo una permanenza di 25-30 giorni, otteniamo un vino più morbido, dal profumo e dal sapore fragrante che ricorda l’uva appena colta. La spiccata personalità di questo vino abbinata alla sua piacevolezza ne fa un nuovo ed accattivante modo di apprezzare uno dei più tradizionali ed antichi vini della Toscana.
Il vino: colore rosso rubino intenso; profumo fresco, con note dominanti di frutta e con eleganti sentori floreali; sapore pieno, piacevole ed armonico, morbido e fruttato.
Dati analitici: alcol 13,40%; acidità totale 5,40 g/l; pH 3,45; zuccheri 3,5 g/l; estratto 28,5 g/l. Conservazione ottimale: di pronta beva, ma si evolve bene per alcuni anni.
Abbinamenti gastronomici: a tutto pasto, in particolare primi piatti saporiti, carni rosse e grigliate salumi e formaggi di media stagionatura.
Temperatura di servizio: 18-20°C.

Cosa aspettate visitate il sito http://www.melinichianti.com/ o la pagina facebook https://www.facebook.com/melinichianti/

CIN CIN


Nessun commento:

Posta un commento